Abilita l'esecuzione di script JavaScript per poter navigare nel sito
//

Cantiere per un lavoro solidale

Ad un anno dall'apertura: bilanci e obiettivi

Data di pubblicazione: 03/10/2017
Ad un anno dall'apertura: bilanci e obiettivi

Cari amici,
è trascorso un anno da quando il Cantiere ha aperto la sua attività e vogliamo rendervi partecipi delle considerazioni emerse nell'incontro avvenuto giovedì 28 settembre con alcune associazioni del territorio, l'Amministrazione di Quinto e Contarina.

Associazioni del territorio presenti: Caritas di Quinto/S. Cristina/Zero Branco/Morgano, Domus Nostra, Proloco di Quinto, Gruppo ecologico Tiveron, La Realtà, Casa di Michela, Protezione Civile di Quinto, Oratorio S. Giorgio, Centro Italiano Femminile, Centro d'ascolto Caritas di Paese, Mani Verso Onlus, Azione Cattolica Adulti di Quinto, Ass. Alpini di Quinto.
Amministrazione Comunale di Quinto: Assessore Nadia Soligo.
Contarina: Franco Zanatta, Aretha Dotta.

L'incontro ci ha consentito di analizzare i primi risultati e trarre le prime considerazioni su quanto fatto fino ad ora. Ci ha anche consentito di tracciare le linee guida per il prossimo futuro.
Il nostro obiettivo, offrire occasioni di lavoro per periodi limitati a persone in difficoltà, rimaste disoccupate o in cerca di occupazione, è stato costantemente perseguito e in parte raggiunto. Sono state coinvolte circa cinquanta persone, inviate dalle Caritas di Quinto, Morgano e Zero Branco, dalla Casa di Michela, dall'Associazione Respiro di Morgano, dal Servizio Sociale del Comune di Quinto. A quasi tutte le persone è stato possibile proporre occasioni di lavoro per periodi limitati (sgomberi, tinteggiature, lavori in agricoltura, pulizie, formazione). Alcune proposte di lavoro sono state accettate e svolte, altre no per motivi fisici o personali.
Anche le attività collaterali, piccoli lavori di sartoria, vendita di vestiario nuovo/usato e vendita mobili/suppellettili per la casa usati, hanno dato dei buoni risultati. Così come significativo è stato l'apporto del nostro Cantiere all'iniziativa del Riuso di Contarina.
L'organizzazione del Cantiere ha visto in modi e tempi diversi coinvolti circa 15 volontari, con scarsità di maestri d’arte.
Il nostro giudizio in merito all'anno appena trascorso è stato positivo: avendo gestito numerose occasioni di lavoro che ci hanno permesso di distribuire reddito per circa 49 mila euro alle persone coinvolte.
La gioia di chi ha potuto migliorare un po' la propria condizione con modalità dignitose e gratificanti è il risultato che più ripaga tutto il lavoro di volontariato che c'è dietro questa iniziativa.

I nuovi obiettivi che ci siamo posti per il prossimo futuro sono:

  1. coinvolgere maggiormente il Comune e la Parrocchia sull'attivazione di lavori socialmente utili;
  2. avviare le modificazioni organizzative individuate;
  3. coinvolgere le associazioni del territorio per l'estensione delle attività del Cantiere ma anche per un inserimento attivo nelle loro associazioni delle persone coinvolte nel progetto;
  4. far diventare il Cantiere soggetto attivo sul territorio della Solidarietà (organizzare la/le giornata/e della Solidarietà).

Ad un anno dall'apertura: bilanci e obiettivi

Cari amici,
è trascorso un anno da quando il Cantiere ha aperto la sua attività e vogliamo rendervi partecipi delle considerazioni emerse nell'incontro avvenuto giovedì 28 settembre con alcune associazioni del territorio, l'Amministrazione di Quinto e Contarina.

Associazioni del territorio presenti: Caritas di Quinto/S. Cristina/Zero Branco/Morgano, Domus Nostra, Proloco di Quinto, Gruppo ecologico Tiveron, La Realtà, Casa di Michela, Protezione Civile di Quinto, Oratorio S. Giorgio, Centro Italiano Femminile, Centro d'ascolto Caritas di Paese, Mani Verso Onlus, Azione Cattolica Adulti di Quinto, Ass. Alpini di Quinto.
Amministrazione Comunale di Quinto: Assessore Nadia Soligo.
Contarina: Franco Zanatta, Aretha Dotta.

L'incontro ci ha consentito di analizzare i primi risultati e trarre le prime considerazioni su quanto fatto fino ad ora. Ci ha anche consentito di tracciare le linee guida per il prossimo futuro.
Il nostro obiettivo, offrire occasioni di lavoro per periodi limitati a persone in difficoltà, rimaste disoccupate o in cerca di occupazione, è stato costantemente perseguito e in parte raggiunto. Sono state coinvolte circa cinquanta persone, inviate dalle Caritas di Quinto, Morgano e Zero Branco, dalla Casa di Michela, dall'Associazione Respiro di Morgano, dal Servizio Sociale del Comune di Quinto. A quasi tutte le persone è stato possibile proporre occasioni di lavoro per periodi limitati (sgomberi, tinteggiature, lavori in agricoltura, pulizie, formazione). Alcune proposte di lavoro sono state accettate e svolte, altre no per motivi fisici o personali.
Anche le attività collaterali, piccoli lavori di sartoria, vendita di vestiario nuovo/usato e vendita mobili/suppellettili per la casa usati, hanno dato dei buoni risultati. Così come significativo è stato l'apporto del nostro Cantiere all'iniziativa del Riuso di Contarina.
L'organizzazione del Cantiere ha visto in modi e tempi diversi coinvolti circa 15 volontari, con scarsità di maestri d’arte.
Il nostro giudizio in merito all'anno appena trascorso è stato positivo: avendo gestito numerose occasioni di lavoro che ci hanno permesso di distribuire reddito per circa 49 mila euro alle persone coinvolte.
La gioia di chi ha potuto migliorare un po' la propria condizione con modalità dignitose e gratificanti è il risultato che più ripaga tutto il lavoro di volontariato che c'è dietro questa iniziativa.

I nuovi obiettivi che ci siamo posti per il prossimo futuro sono:

  1. coinvolgere maggiormente il Comune e la Parrocchia sull'attivazione di lavori socialmente utili;
  2. avviare le modificazioni organizzative individuate;
  3. coinvolgere le associazioni del territorio per l'estensione delle attività del Cantiere ma anche per un inserimento attivo nelle loro associazioni delle persone coinvolte nel progetto;
  4. far diventare il Cantiere soggetto attivo sul territorio della Solidarietà (organizzare la/le giornata/e della Solidarietà).